The first image in a slideshow demo.
  1. title="This is the first slide">This is the first slide
  2. title="This is the first slide">This is the first slide
  3. title="This is the second slide">This is the first slide
  4. title="This is the second slide">This is the first slide
  5. title="This is the second slide">This is the first slide
  6. title="This is the second slide">This is the first slide
  7. title="This is the second slide">This is the first slide
  8. title="This is the second slide">This is the first slide
  9. title="This is the second slide">This is the first slide
  10. title="This is the second slide">This is the first slide
  11. title="This is the second slide">This is the first slide
  12. title="This is the second slide">This is the first slide

PASSERELLA CICLOPEDONALE / MILANO, ITALIA

Dall'analisi della grobalità del corso del Naviglio emerge la necessità di creare una relazione fra le due rive. Una passerella, dunque, come elemento di unione fra due caratteri diversi, quello del lato destro e quello del lato sinistro. Molte sono anche le limitazioni legate al sito quali la geometria e il sistema viario . Tutto questo ha fatto nascere l'idea di realizzare un progetto semplice nella forma ma con un carattere riconoscibile. La passerella, grazie alla scelta di una struttura perfettamente simmetrica, deve essere pensata come una scultura adattabile agli spazi diversi del canale e a tutte le future riorganizzazioni delle sue sponde. Questo segno nel tessuto urbano porta con se molte metafore, dal cavallo del mare, alla chiocciola, al disegno delle ruote di una bicicletta, ad una molla, alla spirale di Fibonacci...

Per ridurre al minimo l'occupazione del suolo e per garantire il passaggio agevole di biciclette e pedoni comprese le persone con difficoltà motorie e sensoriali, invece di fare delle rampe tradizionali, abbiamo optato per delle rampe a forma di ellisse, più compatte, con una larghezza più importante e con una pendeza del 5°. Abbiamo, inoltre, integrato gli ascensori all'interno dei due pilastri. La passerella, con il suo spessore max di 8 m in mezzeria diviene un luogo di socializzazione con sedute, belvedere e parcheggio per le biciclette. I pilastri, al centro di ciascuna rampa ellittica, oltre a portare la struttura del ponte divengono dei riferimenti visuali tangibili nella città, grazie al tipo di materiale, d'illuminazione e di colore adottati. La forma compatta adottata permette alla passerella di avere uno spessore nello spazio, di essere come una virgola un punto massivo e non come un elemento leggero. Abbiamo appotato una modificazione al tracciato della pista ciclabile per ampliare la zona a verde urbano adiacente la passerella.

La struttura - Definito il modulo di base, lo abbiamo moltiplicato radialmente attorno al pilastro principale. Per ridurre i costi invece di utilizzare una struttura con cavi abbiamo scelto una struttura a traliccio costituita da un elemento di base dalla forma di lama arrotondata ripetuto per n volte. Questi elementi sono connessi fra loro con delle travi a sezione ridotta.

ATELIER
LEONARDO 2015 PRIZE
GUGGENHEIM MUSEUM HELSINKI
SURELEVATION UNI5 A LAUSANNE
NINFEE
40 UNDER 40 EUROPEAN PRIZE
DANCE PAVILION GENEVA
MEADOWS BRIDGE SALFORD
MEYRIN
MUSEUM OF MODERN ART NEW TAIPEI
NATIONAL MUSEUM BELGRADE
HOUSE EXTENSION
PASSERELLA CICLOPEDONALE MILANO
SERLACHIUS MUSEUM GOSTA MANTA
PEDESTRIAN BRIDGE LISBOA
WOODEN HOUSE LIVRY GARGAN
PHILHARMONIC CONCERT HALL WARSAW
DEVIL
ROYAL COURT COMPLEX BELGRADE
TRANSFORMABLE PAVILION STUTTGART
CENTRAL CITY PARK NISH
10th VENICE BIENNALE 2006
BLOK 42
DOUGLAS BRIDGE LANCASHIRE
TOWER-BELL HERCEGNOVI
MUSEUM OF NATIONAL HISTORY WARSAW
CAMILLE'S APPARTMENT PARIS
FAMILY HOUSE BRCKO
KIOSK NEW BELGRADE
PEDESTRIAN BRIDGE SHEFFIELD
LES NUAGES D'ARLES
BEOCIN PARK
BELGRADE'S SCENARIOS
OLD BARN RENOVATION
BAUHAUS MUSEUM WEIMAR
AU BON COIN PARIS
ANTI.GRAVITY SKYSCRAPER DUBAI
CHALET DE PIERRES COURCHEVEL
OMNIA MEA MECUM PORTO
BANK NOVI SAD
CENTRAL SQUARE UZICE